La natura incontaminata, il fascino della storia, l’eterogeneità del paesaggio. Un #viaggioalcentrodelborgo di Rosello (CH), allora, per immergersi in un angolo recondito del Sangro, in quello che un tempo era noto come Abruzzo Citeriore.

Abitato fin dall’alto Medioevo dai monaci benedettini dell’Abbazia di San Giovanni in Verde, il borgo conserva ancora diverse peculiarità artistiche degne di nota.

Tra queste la Chiesa di San Nicola (edificata nel 1541 ma ricostruita totalmente dopo il terremoto del 1703), il Palazzo Caracciolo – Fornari (dalla fisionomia a corte e suddiviso su due piani) e i ruderi della Torre circolare, effigi dell’antica origine medievale del paese.

Degne di nota, infine, le eccellenze naturalistiche della zona, tra le quali emerge l’affascinante Riserva Naturale Regionale Abetina di Rosello, custode tra le altre cose dell’intrigante Museo dell’Abete Bianco.

Da provare: i salumi, le carni alla brace tra le quali l’agnello, scamorza e altri formaggi.

Per maggiori informazioni: https://bit.ly/32YH2lm

Ora tocca a voi! Raccontateci la vostra esperienza di vita o il vostro #viaggioalcentrodelborgo di Rosello!