Adattamento ai cambiamenti climatici: se ne parla il 24 maggio a Roma

18 maggio 2017
adattamento-cambiamento-climatico-convegno

L’adattamento ai cambiamenti climatici è uno dei grandi obiettivi del The new integrated Covenant of Mayors for Climate & Energy, il documento della Comunità Europea che ha riunito i precedenti Patto dei Sindaci e Mayors Adapt. Questo significa che le Amministrazioni che decidono di impegnarsi in questo nuovo programma dovranno raggiungere entro il 2030 l’obiettivo della riduzione delle emissioni di CO2  del 40% rispetto a un anno di riferimento, impegnandosi anche sul fronte dei cambiamenti climatici. Di questa importante tematica se ne parlerà il prossimo 24 maggio a Roma durante il convegno “Adattamento ai cambiamenti climatici: le esperienze e le opportunità dei progetti LIFE in Italia”, organizzato dal Coordinamento Agende 21 Locali Italiane e dai progetti LIFE DERRIS e LIFE Master-ADAPT. Il programma LIFE compie 25 anni e per tale occasione è stata organizzata una giornata dedicata a una riflessione generale sul tema, coinvolgendo i principali stakeholder ed esperti del settore per discutere di adattamento ai cambiamenti climatici, governance e strumenti. L’evento è aperto a tutti dalle 10 mattina alle 17, si susseguiranno una serie di interventi legati alle buone pratiche che in questi 25 anni sono state messe in atto per salvaguardare il patrimonio naturale europeo e per affrontare le nuove sfide ambientali.

adattamento-cambiamento-climatico-convegno

Il programma del convegno sull’adattamento ai cambiamenti climatici

La giornata inizia con alcuni interventi introduttivi a cura del Presidente del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, dell’Assessore alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale e del Direttore Generale per lo sviluppo sostenibile del Ministero dell’Ambiente. Si prosegue poi con la presentazione delle best practice del programma LIFE, tra cui:

  • LIFE DERRIS (DisastEr Risk Reduction InSurance) – il primo progetto europeo rivolto alla Pubblica Amministrazione e alle piccole e medie imprese per la riduzione dei rischi causati da eventi climatici estremi;
  • LIFE MASTER ADAPT il quale intende sviluppare una metodologia operativa e integrata affinché Regioni, città metropolitane e consorzi di città possano inserire nei propri piani e programmi l’adattamento ai cambiamenti climatici come elemento chiave per il proprio territorio;
  • LIFE BLUE AP il quale ha redatto il Local Adaptation Plan della Città di Bologna che renderà la città più resiliente e preparata a gestire le conseguenze dei cambiamenti climatici;
  • LIFE SEC Adapt, che intende adottare e aggiornare il modello della “Comunità per l’Energia Sostenibile” (SEC), migliorando la governance del cambiamento climatico come best practice per lo sviluppo del virtuoso processo di adattamento degli enti locali sotto il coordinamento delle autorità e delle agenzie di sviluppo regionali;
  • LIFE IRIS si prefigge di sostenere le aziende, nel diventare più resilienti al cambiamento climatico, individuando misure specifiche di adattamento;
  • LIFE Primes si propone di ridurre i danni causati al territorio e alla popolazione da eventi come piene, alluvioni e mareggiate, dovuti a fenomeni meteorologici intensi, attraverso lo sviluppo di procedure e sistemi informativi omogenei e integrati a livello interregionale, la definizione di scenari di rischio e la realizzazione di uno spazio web condiviso con le comunità locali;
  • LIFE RainBO, il quale vuole sviluppare una infrastruttura di monitoraggio in grado di combinare i modelli idrologici, quelli del terreno ed i dati relativi alle precipitazioni, finalizzata ad una maggiore accuratezza nella previsione di possibili danni causati da eventi meteorici estremi;
  • LIFE UrbanProof, che vuole aumentare la resilienza dei Comuni ai cambiamenti climatici dotandoli di un potente strumento per sostenere un processo decisionale più informato sulla pianificazione dell’adattamento ai cambiamenti climatici.

Infine, nel pomeriggio sono previsti alcuni gruppi di lavoro che affronteranno diversi aspetti trasversali relativi all’adattamento ai cambiamenti climatici: governance e servizi climatici, pianificazione, tecnologie e monitoraggio. L’evento è aperto a tutti tramite la compilazione del modulo di iscrizione.

 

Potrebbero interessarti