I fuochi di San Giuseppe a Casalvecchio di Puglia

17 marzo 2018
san-giuseppe

In Italia resiste la tradizione dei fuochi o falò di San Giuseppe che scacciano l’inverno dando il benvenuto all’imminente primavera. A Casalvecchio di Puglia, regione nella quale questo rito è particolarmente sentito, la tradizione si fonde con l’entusiasmo di un intero borgo dove tutti i cittadini, anche i bambini, collaborano alla realizzazione della festa, raccogliendo la legna e allestendo i banchetti rituali Folklore, memoria e divertimento proposti in questo  borgo di origine arbërëshe  fortemente legato alla data del 19 marzo dove al rito apotropaico della purificazione, di derivazione pagana, si affianca inevitabilmente quello cattolico, con la maestosa figura di San Giuseppe, protettore dei lavoratori, simbolo di famiglia, padre per antonomasia.

Quella di San Giuseppe è una ricorrenza all’insegna dell’accoglienza e della generosità che da sempre contraddistinguono la popolazione di Casalvecchio di Puglia e anche quest’anno il Comune, in collaborazione con la Pro Loco Arbërëshe, si impegna a valorizzare ancor di più questa caratteristica, attraverso l’allestimento di un percorso enogastronomico gratuito. Gli ospiti della serata potranno infatti liberamente degustare le tipicità locali, preparate con cura da tutti i volontari che con dedizione e altruismo contribuiscono alla festa.

Tra le peculiarità casalvecchiesi non mancherà il cëllitt, piatto povero della tradizione contadina a base di pomodoro e pancetta o un buon piatto di cicatelli ai profumi dauni o ancora la pizza col bicarbonato, i fagioli con cotenna, il grano cotto e altre prelibatezze.

La serata verrà animata da danze e canti popolari a cura dell’Associazione culturale locale “ Tallandishat” e da altri gruppi etnici e folcloristici.

san-giuseppe-casalvecchio-di-puglia

Potrebbero interessarti