Saluzzo: il Lupo e altre storie

9 dicembre 2016

Da novembre 2016 a maggio 2017 Saluzzo ospita “Il Lupo e altre storie”, un progetto culturale dedicato al ritorno naturale del lupo sulle Alpi, curato dal Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino  e dal Comune di Saluzzo, nell’ambito del Piano Territoriale Integrato (PTI) “La cultura del territorio: innovazione nella tradizione”.

Il Lupo e altre storie si articola in una serie di incontri rivolti a pubblici diversi e culminerà in una esposizione, aperta al pubblico dall’11 marzo al 21 maggio 2017, presso la Castiglia di Saluzzo, che comprenderà la mostra itinerante “Tempo di Lupi. Storia di un ritorno” curata dal MUSE – Museo delle Scienze di Trento e realizzata nell’ambito del progetto europeo LIFE WOLFALPS coordinato dalle Aree Protette delle Alpi Marittime e co-finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione LIFE+ 2007-2013 “Natura e biodiversità”.

Ai primi due incontri del 29 novembre 2016, segue, giovedì 15 dicembre, alle 21,00 presso il Teatro Civico Magda Olivero, via Palazzo di Città, 15 lo spettacolo teatrale “Rendez-Vous 2.200sul tema del ritorno naturale del Lupo sulle Alpi a cura dell’Associazione Culturale TrentoSpettacoli e del Museo delle Scienze di Trento.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Rendez Vous 2.200 nasce da una collaborazione di TrentoSpettacoli con ricercatori, studiosi ed esperti del progetto LIFE e del MUSE per giungere all’allestimento e alla produzione di uno spettacolo che persegua gli obiettivi di sensibilizzazione che il progetto si propone, lavorando sui binomi dialettici natura/cultura e umano/animale, attingendo a testi letterari, filosofici, scientifici e divulgativi di autori italiani e stranieri.

Lo spettacolo

Tre personaggi si muovono in un bosco all’imbrunire. Un biologo, una fotografa ed una turista. Il Lupo è tornato sulle Alpi e loro si trovano, ognuno secondo la propria idea, ad affrontare questa nuova convivenza. I tre scrutano la natura, le loro orecchie avvertono suoni, presenze. Uno strano rendez-vous in alta quota. E parlano, di loro, del lupo. Come se attraverso le loro vite potessero incontrare il lupo, come se attraverso il lupo potessero conoscere se stessi. E’ notte e si fermano in un punto che potrebbe essere un buon luogo per avvistare il lupo. Le sensazioni dei tre sono diverse, sono una eco delle loro vite, sono sensazioni mediate dall’esperienza che li ha formati. Siano esse esperienze reali e concrete, siano frutto di un’immaginazione coltivata nella superstizione, nella paura inconscia. Paura. Del bosco nero. Paura di un suono un fruscio. Paura di ciò che non vedo, di ciò che non conosco. Paura di quell’estraneo, di quel diverso da me. Sia esso lupo o uomo. Nel procedere della notte, il luogo diventa denso, il bosco domina, entra negli animi. Si parla, si sta zitti, si osserva. E si sente, come una mano divina, lo sguardo del bosco su di noi. Un pensiero si insinua: sono vicini, terribilmente vicini. La suggestione prende forma, si materializza. Il bosco diventa teatro drammatico e carnivoro. Violento e crudele. Uccidere il desiderio, il selvaggio, il diverso, per dominare noi stessi. Ma nulla è reale, ciò che accade non è che finzione, teatro nel teatro. Ciò che rimane alla fine è una domanda: quale futuro ci attende?

Il risultato è uno spettacolo coinvolgente, adatto a tutti e volto alla creazione di una sensibilità rispetto al mondo selvatico nella sua totalità, con particolare riferimento alla figura del lupo come animale emblematico del rapporto secolare, contrastato e ambivalente tra l’essere umano e la natura selvaggia.

Per informazioni si può telefonare al numero 0175 46710 o inviare una email a iat@comune.saluzzo.cn.it, oppure recarsi direttamente all’Ufficio Turistico IAT, in Piazza Risorgimento, 1, a Saluzzo.

Gli eventi saluzzesi del progetto il Lupo e altre storie proseguiranno con:

– venerdì 13 gennaio 2017, ore 21 – Teatro Civico Magda Olivero, via Palazzo di Città, 15 spettacolo teatrale “OMABELLE” dedicato al lupo a cura di TIR (TeatriInRivolta);

– venerdì 24 febbraio 2017, ore 21 – Antico Refettorio San Giovanni, via San Giovanni, 9 presentazione del libro di Giuseppe Festa “La luna è dei lupi”, l’autore racconterà aneddoti della sua esperienza con i lupi con l’ausilio di foto e video inediti. Interverrà all’incontro Irene Borgna, addetta stampa del progetto LIFE WOLFALPS;

– venerdì 7 aprile 2017, ore 21 – Salone Rovasenda – La Castiglia, Piazza Castello presentazione del progetto “Sentieri da lupi”, viaggio a cavallo dalla Slovenia alle Alpi Marittime a cura della “viaggiatrice a cavallo” e scrittrice Paola Giacobini. Interverranno all’incontro il giornalista e scrittore Enrico Camanni e il guardiaparco delle Alpi Cozie Luca Giunti.

Potrebbero interessarti