Racconti di un’Italia che non conosci

24 settembre 2014
borghi autentici

“Diario di Borgo” è una rubrica scritta a più mani, per raccontare esperienze, scoperte, sensazioni e luoghi.

Racconti di scoperta e riscoperta per costruire nuove mappe culturali e turistiche, basate non tanto sulla topografia quanto su “derive psico-geografiche” in grado di disegnare reti di autenticità, che accompagnano alla scoperta di una nuova – antica Italia.

La rubrica trae ispirazione dalle parole di Pier Paolo Pasolini nel documentario su Orte “le forme della città”: “Questa strada per cui camminiamo ora, con questo selciato sconnesso e antico, non è niente, non è quasi niente, è un’umile cosa. Non si può nemmeno confrontare con certe opere d’arte, d’autore, stupende, della tradizione italiana; eppure, io penso che questa stradina da niente, così umile, sia da difendere con lo stesso accanimento, con la stessa buona volontà, con lo stesso rigore con cui si difende un’opera d’arte di un grande autore.

Esattamente come si deve difendere il patrimonio della poesia popolare anonima come la poesia d’autore, come la poesia di Petrarca o di Dante eccetera. E così, il punto dove porta questa strada, quella antica porta della città di Orte: anche questo non è quasi nulla, vedi? Sono delle mura semplici, dei bastioni, dal colore così grigio, che in realtà nessuno si batterebbe con rigore, con rabbia per difendere questa cosa. E io ho scelto, invece, proprio di difendere questo”.

E noi con “diario di borgo” abbiamo scelto di raccontarla.

Potrebbero interessarti