Una Panchina rossa a Sante Marie

30 dicembre 2016

Una Panchina rossa è un percorso di sensibilizzazione e di informazione lanciato dagli Stati Generali delle Donne e rivolto ai Comuni, alle associazioni, alle scuole e alle imprese di tutta Italia. A Sante Marie, Borgo autentico d’Italia, la Commissione Pari Opportunità e l’Amministrazione Comunale hanno aderito all’iniziativa “Una Panchina Rossa”, idealmente occupata dalle tante donne vittime di violenza, al fine di richiamare l’attenzione sul fenomeno tristemente diffuso della violenza maschile sulle donne e sul femminicidio.

A causa della pioggia la manifestazione del 25 novembre 2016  si è svolta nella palestra comunale e ha visto la partecipazione degli alunni della scuola primaria G. Lombardo Radice e della scuola dell’infanzia Pio XII con le loro insegnanti. La palestra si è colorata di rosso con i palloncini che ogni bambino ha lasciato volare in aria a simboleggiare il diffondersi dell’amore nel mondo, che sarebbe sicuramente più bello senza violenza.

Una panchina rossa, Sante Marie, 25 novembre 2016, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Come ha spiegato la presidente della CPO la Panchina che verrà posta nella piazza del paese deve diventare l’emblema della lotta alla violenza e della riflessione affinché se ne parli ogni giorno e non solo il 25 novembre.

Deve essere lo stimolo a chi non trova il coraggio di ribellarsi ai sopprusi, affinché nessuna donna debba più morire per mano di chi dice di amarla. Per questo sulla panchina verrà scritto il numero nazionale del Centro Antiviolenza 1522.

E’ intervenuto il Sindaco e Consigliere Regionale Lorenzo Berardinetti  a sottolineare quanto sia importante la partecipazione degli alunni, che da subito devono imparare a rispettare le loro compagne e a considerale compagne di vita senza discriminazione.

La CPO si è sempre dimostrata attiva nel sensibilizzare contro la violenza di genere come nell’evento “ Sposa Nel Tempo 2014” quando si è trattato il tema dell’ integrazione delle donne straniere e del femminicidio.  Testimoni  della serata furono l’ingegnere iraniano Mirzapoor Farnaz, esperta in politiche di integrazione  e Blerta Selmanaj, che da poco aveva perso la mamma e la sorella, uccise dallo stesso padre. Blerta raccontò la sua esperienza e lanciò un accorato appello alle autorità affinché chi trova il coraggio di denunciare non venga lasciato solo.

Altro importante evento della CPO è stato il convegno del 25 novembre 2014 “Il rispetto è un tuo diritto ma anche un tuo dovere”  tra i vari relatori c’è stato l’intervento del noto cantautore Danilo Sacco, che ha sottolineato l’importante ruolo della donna nella società, non solo perchè ha il meraviglioso compito di procreare, ma anche perchè si occupa della tutela della famiglia e della formazione delle coscienze.

L’obiettivo della CPO è quello di tutelare la parità di genere ma anche quello di combattere ogni tipo di discriminazione per questo nell’ evento “Sposa del Tempo 2015” è stata aperta la passerella anche a modelle diversamente abili che hanno sfilato insieme a modelle normodotate insegnandoci a non sentire la differenza e a farci conoscere la loro carica emotiva.

Nella sua attività la CPO promuove la collaborazione delle scuole, permettendo ai ragazzi di essere protagonisti di importanti momenti di riflessione, perchè già nel loro percorso di formazione possano essere educati al rispetto, alla lealtà e al senso del dovere, è supportata dall’amministrazione comunale e lavora in stretto contatto con tutte le associazioni, non solo del territorio, ma anche con organizzazioni che operano a livello nazionale ed estero.

Simonetta Lattanzi – Presidente della Commissione per le Pari Opportunità del Comune di sante Marie

Potrebbero interessarti