Montesegale: il borgo dove la dolcezza è certificata

21 giugno 2015

foto a. disperati

Nella fascia collinare dell’Oltrepo’ pavese, disseminate tra le colline della valle Ardivestra si estendono le 23 frazioni del Comune di Montesegale, il dolce borgo.

Montesegale è un Comune di circa 300 abitanti dove ormai da anni si organizzano passeggiate ecologiche notturne, dove è stata installata una panchina meditativa, dove insomma la cultura la fa da padrona, ma anche il cibo essendo uno dei 15 comuni che produce il salame D.O.P. di Varzi.

Ma Montesegale ha anche il primato di essere il primo borgo autentico certificato.

La certificazione di un borgo autentico è un progetto del tutto innovativo a livello europeo che l’Associazione Borghi Autentici d’Italia ha ideato e sta diffondendo in Italia.

Sindaco di Montesegale è Carlo Ferrari, un amministratore locale che non teme di confrontarsi con progetti innovativi se questi comportano un miglioramento della qualità della vita della sua comunità.

DSC_0135 (2)

Egli ci spiega meglio in cosa consiste la certificazione di un borgo autentico:

La certificazione è un modo per dare riconoscibilità sociale, all’impegno dell’Amministrazione e della Comunità locale nel percorrere un itinerario serio e concreto  di messa in qualità attraverso l’applicazione di un Piano di Miglioramento quinquennale. Con la certificazione si misura l’impegno nella traduzione operativa e reale di un progetto di miglioramento continuo, secondo un approccio basato sulla sostenibilità.

Mi incuriosisce capire come possa un intero Comune ottenere la certificazione, cosa spinge un’amministrazione locale a scegliere di certificarsi, di far si’ che un soggetto terzo ne giudichi l’operato.

 

La leva che ha motivato la scelta dell’Amministrazione di Montesegale nell’intraprendere tale percorso – spiega Ferrari– è nella volontà di dare seguito alle politiche e alla progettualità sviluppate negli ultimi anni, che hanno fatto di Montesegale un Comune fortemente innovativo e che incuriosisce. È un ulteriore passo per rendere  i cittadini partecipi e attivi nelle scelte strategiche per la comunità. Il progetto di Montesegale è un vero e proprio percorso di miglioramento delle qualità di vita per i propri cittadini non solo per quanto riguarda le scelte di pianificazione e le azioni da intraprendere, ma per sensibilizzarli nei confronti della partecipazione attiva alle scelte comuni.”

Ma quali sono i vari step per ottenere l’attestato di “Borgo Autentico Certificato“?

Il Comune di Montesegale ha redatto, in 180 giorni, in modo partecipato e condiviso con i cittadini il Piano di Miglioramento che avrà la durata di 5 anni.  Poi, a gennaio 2015 il Piano è stato approvato dalla Giunta e il 22 febbraio il Piano è stato sottoposto all’ approvazione dell’Ente certificatore (Dekra – Organismo internazionale di certificazione) attraverso un audit. In fine a marzo , il Piano di Miglioramento è stato approvato all’ unanimità dal Consiglio Comunale“.

Il punto focale di tutto il progetto di certificazione è il Piano di Miglioramento e quello di Montesegale è incentrato su ” azioni mirate alla diffusione e promozione  della qualità urbana, alla tutela e valorizzazione del paesaggio e della biodiversità, alla sostenibilità energetica e ambientale,  ad alzare le percentuali di raccolta differenziata sul territorio, alla costruzione di una rete di ospitalità turistica grazie, anche, ad un nuovo utilizzo delle case sfitte, alla realizzazione di attività volte ad innalzare la qualità dei servizi alle famiglie e agli anziani (es. centro giovani, voucher formativi, risposta a bisogni diffusi della popolazione anziana) e alla creazione di una cooperativa di comunità.” 

 

Secondo il sindaco Ferrari l’ aspetto importante del processo di certificazione seguito a Montesegale  va individuato nella collaborazione e nel coinvolgimento di tutta la cittadinanza.

FB_IMG_1434924309240

Ognuno di noi ha in mano un tassello per comporre uno splendido mosaico e così contribuire al bene comune. Dobbiamo continuare a lavorare insieme per riscoprire e ricostruire la rete umana e civile dell’identità locale e proseguire nel nostro originale percorso di sviluppo.”

La certificazione di un borgo, conclude Carlo Ferrari:

” è un progetto di forte impatto innovativo, capace di migliorare la governance locale e di ristabilire, fra Amministrazione e cittadini, un rapporto aperto, trasparente e di prospettiva condivisa che potrà giovare alle dinamiche della democrazia locale.”

Tiziana Familiare

 

Potrebbero interessarti