No al consumo di suolo, nuove iniziative per salvare il paesaggio

13 ottobre 2017
trainoverde-salviamo-il-paesaggio

Fermare il consumo di suolo che ha devastato e continua a devastare il paesaggio del nostro Paese, soprattutto nelle aree di pianura, al fine anche di preservare il paesaggio, la cultura, l’agricoltura, la biodiversità italiana e la qualità del verde urbano è un impegno che tutti dobbiamo affrontare e sostenere.

Eppure… gli ultimi dati prodotti da ISPRA (Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici – Edizione 2017)  evidenziano <<che in Italia il consumo di suolo è passato dal 2,7% stimato per gli anni ’50 al 7,6% del 2016, con un incremento di 4,9 punti percentuali e una crescita percentuale del 184% (e con un ulteriore 0,22% di incremento negli ultimi sei mesi analizzati – maggio 2016). In termini assoluti, il consumo di suolo ha intaccato ormai 23.039 chilometri quadrati del nostro territorio.

Controcorrente e buona prassi il Comune di Berceto, in provincia di Parma, che già nel 2015  ha modificato i propri strumenti urbanistici, riportando ad uso agricolo suoli edificabili, dopo un’opera di sensibilizzazione dei cittadini proprietari, ai quali è stato chiesto di cancellare i propri terreni dal novero delle aree edificabili. Sempre Berceto sta poi lavorando ad un regolamento di gestione comunitaria del territorio comunale per ripristinare l’assetto del vastissimo ambito territoriale comunale introducendo servizi ecosistemici in grado di frenare il dissesto idrogeologico e ridare slancio all’agricoltura e al governo dei boschi.

Con l’intento di continuare ad agire per arrestare il consumo di suolo, come non apprezzare  la giornata di sabato 14 ottobre 2017, una giornata fra cielo, terra e mondo vegetale organizzata dal Forum Nazionale Salviamo il Paesaggio, dal titolo “Traino verde” e nella quale fra l’altro i Sindaci vengono espressamente invitati ad attuare l’art. 6 della legge 10/2013 “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani”.

Sabato, a Roma, presso le ex Cartiere Latine, sarà un’occasione importante per presentare la bozza di proposta di legge di iniziativa popolare  contro il consumo di suolo di Salviamo il Paesaggio. Il Disegno di legge precedentemente approvato infatti sembra essersi alleggerito, durante l’iter approvativo alla Camera, di contenuti in grado di fronteggiare adeguatamente l’emergenza consumo di suolo.

Il programma della giornatatrainoverde-salviamo-il-paesaggio

 

Il 12 maggio 2016 veniva  approvato alla Camera il disegno di legge  sul contenimento del consumo del suolo e riuso del suolo edificato, un DDL che al termine del suo iter amministrativo, dovrebbe essere destinato alla “complessiva riorganizzazione della materia” e, come spiega il Ministro Galletti <<In particolare, si segnala come il disegno di legge in materia di contenimento del consumo e riuso del suolo edificato riconosce l’importanza del suolo come bene comune e risorsa non rinnovabile, fondamentale per i servizi ecosistemici che produce, anche in funzione della prevenzione e della mitigazione degli eventi di dissesto idrogeologico e delle strategie di adattamento ai cambiamenti climatici. Il testo impone l’adeguamento della pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistica vigente alla regolamentazione proposta e coinvolge competenze degli enti territoriali>>.

 

 

 

 

 

Potrebbero interessarti