Mobilità ciclistica, il Senato approva la Legge

22 dicembre 2017
mobilità-ciclistica

Il 21 dicembre 2017 è stata approvata la legge per lo sviluppo della Mobilità Ciclistica: un importante risultato per l’ambiente, le città e la mobilità dolce.

La norma, punta all’uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano e per i viaggi turistici e ricreativi in bicicletta ed ha ottenuto l’unanimità dal Senato in sede legislativa nella VIII Commissione. Un voto definitivo che arriva dopo quello della Camera del 14 novembre.

La legge prevede il Piano Generale della mobilità ciclistica, la costituzione della rete ciclabile nazionale, i piani regionali ed il biciplan da parte dei comuni, definisce la rete cicloviaria, incluse le strade senza traffico ed a basso traffico su cui pedalare. Infine mette a sistema le risorse destinate dalle leggi Finanziarie 2016, 2017 e 2018.

“La legge per la Mobilità Ciclistica è una vittoria per l’ambiente, i trasporti, le città e la mobilità dolce in Italia – dichiara Anna Donati, portavoce dell’Alleanza per la Mobilità Dolce (AMODO), la piattaforma costituita da oltre 20 associazioni nazionali tra le quali anche Borghi Autentici d’Italia – adesso il nostro impegno prosegue per l’attuazione della Legge, per far crescere la mobilità ciclistica in città e la rete delle ciclovie turistiche per muoversi nel paesaggio italiano.”

Il testo è il risultato di anni di impegno delle associazioni ambientaliste per le due ruote.

“Una legge di cui finalmente la politica si è accorta, che ha trovato nel Ministro Delrio attenzione costante e risorse concrete, e nelle città Assessori sensibili e progetti reali – prosegue AMODO in una nota stampa – L’iter di discussione è stato lungo, irto di ostacoli e solo grazie alla tenacia e passione del deputato Paolo Gandolfi e la collaborazione di tutti i gruppi parlamentari di Camera e Senato, si è arrivati alla approvazione definitiva. Peccato per il mancato inserimento degli emendamenti per la mobilità dolce presentati alla Camera dai deputati Busto e Realacci, che integravano la mobilità ciclistica con i cammini e le ferrovie turistiche in modo integrato, non accolti per il parere negativo del MEF” .

L’approvazione delle legge anticipa un anno ricco di di appuntamenti per lo slow travel. Il 2018, oltre a celebrare il cibo italiano, vivrà infatti anche la Primavera per la Mobilità Dolce lanciata dalla Nuova Alleanza per la Mobilità Dolce con decine di eventi per chi pedala, cammina e viaggia su ferrovie turistiche dal 21 marzo al 21 giugno.

L’iniziativa, proporrà anche gli eventi organizzati dall’Associazione Borghi Autentici d’Italia che promuoverà “I Cammini del Buon Vino” in occasione dell’anno 2018 del Cibo buono ed autentico, nei piccoli borghi italiani.

All’interno dei tre mesi di eventi si terrà la Giornata delle Ferrovie delle Meraviglie, per sottolineare la bellezza di antiche ferrovie e vecchi tracciati che chiedono di essere valorizzati come linee turistiche o trasformate in dolci greenways su cui camminare e pedalare.

L’evento di avvio della Primavera per la mobilità dolce sarà il convegno di AMODO del 23 marzo a Milano, nell’ambito di Fa’ la cosa giusta! – la fiera sugli stili di vita sostenibili organizzata da Terre di Mezzo – che farà il punto su cammini, ciclovie e ferrovie turistiche, e sarà presente nella tre giorni anche con uno stand dedicato alla mobilità dolce.

SCARICA IL TESTO COMPLETO DELLA LEGGE

Potrebbero interessarti