C’è sempre un motivo per dire grazie

30 novembre 2015

 

Antonella Corciulo_graziemod

C’è un tempo per programmare, uno per fare e uno per dire GRAZIE.

C’è sempre un motivo per dire grazie e l’esperienza del viaggio a piedi organizzato dl’Ass. Borghi Autentici d’Italia e dalla Compagnia dei Cammini, nelle Comunità Ospitali del Salento, dal 17 al 24 novembre scorsi, mi ha fatto riflettere su questa che mi sembra potremmo definire ormai una necessità del nostro tempo.

Al di là dei ruoli, dei compiti di ognuno, delle fatiche e delle eventuali gratificazioni professionali che ne conseguono, forse al di la anche dei chilometri percorsi e dei luoghi attraversati o visitati; quello che rimane sono le persone conosciute, le relazioni instaurate, gli sguardi incrociati, le chiacchiere scambiate, la condivisione delle esperienze di vita di ognuno e l’ospitalità vera delle persone che vivono della comunità veramente autentiche.

Campagna Salentina nei pressi di Patù

Allora cerco di sintetizzare ripercorrendo le tappe del viaggio non per immagini, non per luoghi, date, monumenti e cose viste, come solitamente farei in questa pagina del nostro blog, ma per volti e per grazie.

Grazie alla Comunità Ospitale di Melpignano: grazie a Don Maurizio per la pazienza, grazie al meccanico che con un solo colpo di telefono si è messo a disposizione dei camminanti, grazie a Floriano, grazie a Cristina ed Antonio della Cooperativa di Comunità per le prelibatezze che ci hanno fatto degustare. Grazie ai ragazzi del gruppo musicale Fonarà, per aver fatto vivere a tutti la gioia della condivisione della musica tradizionale della pizzica, grazie a Gianluca per la sua passione.

_MG_8113mod

Grazie alla Comunità Ospitale di Palmariggi: grazie per la bellissima festa di piazza, grazie a Gerardo per l’entusiasmo con cui vive il suo ruolo da amministratore e per la volontà di far scoprire le tradizioni della sua comunità, grazie a Marcella e gli altri giovani consiglieri. Grazie al signore anziano seduto accanto a me durate l’incontro pubblico, perché nonostante volesse nasconderlo, era evidente la sua emozione e la sua consapevolezza, nell’ascoltare lo stato di salute dei nostri ulivi. Grazie alla guida turistica Désirée che nonostante, per mancanza di tempo, non sia riuscita a farci vedere il bellissimo centro storico di Palmariggi, ha poi contribuito con “voce e tamburello” alla nostra gioia, grazie a tutte le Associazioni, grazie alla frenesia dei bambini di Palmariggi, per la trepidazione e l’entusiasmo con cui hanno accolto gli asinelli in viaggio con noi. Un grazie “grande grande” come il loro sorriso, alle signore che hanno cucinato e ci hanno servito i piatti della tradizione delle Tavole di San Giuseppe, con un’eleganza e simpatia che solo le persone vere possono trasmettere.

_MG_8339bn

Grazie alla Comunità Ospitale di Minervino di Lecce: grazie ai ragazzi e agli insegnanti della dell’Istituto Comprensivo di Minervino di Lecce, che si sono messi “in gioco” raccontando ad una platea di adulti come si sta evolvendo l’insegnamento nella loro scuola, grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie ma senza dimenticare la cultura locale e l’attaccamento alla terra. Grazie a Stefania e agli altri giovani consiglieri e dipendenti comunali, per essersi messi a disposizione con pieno spirito ospitale, per rispondere a tutte le esigenze e imprevisti dei compagni in cammino. Grazie alla famiglia Caroppo, che ci ha ospitato con una buonissima cena tradizionale, dimostrandoci con i fatti che la tradizione può e deve essere tramandata da padre in figli. Grazie alla disponibilità e allegria dei musicanti e alla bravissima ballerina Elisa.

_MG_8659

Grazie alla Comunità Ospitale di Salento Autentico: grazie al fratello di Don Tonino Bello per averci fatto conoscere il lato intimo e famigliare del più caro rappresentante di Alessano, grazie al gruppo scout di Presicce per la gioia della condivisione. Grazie alla comunità di Barbarano del Capo (Morciano di Leuca) per la perfetta organizzazione messa in campo per fronteggiare l’arrivo dell’allegra carovana, grazie alle Associazioni per le gustose pietanze preparate con la gioia del pranzo della domenica in famiglia. Grazie a Lorenzo, perché anche se non vuole, alcun ringraziamento, questo è proprio meritato. Grazie ad Antonio dell’associazione TAM per averci “indicato la via” che da Barbarano conduce a Patù e grazie per la pazienza infinita nel sopportare le mie continue richieste. Grazie all’Istituto Comprensivo Scolastico per averci ospitato e ai suoi bambini e mamme in festa, grazie al signor Donato per averci fornito la biada per gli asinelli. Grazie a Don Gianluigi per averci fatto trovare un pulmino sul pazziale del Santuario di Santa Maria di Leuca e grazie agli “autisti” Michelino, Anna Maria e Gino. Grazie alle Associazioni Mani Comuni e Pacha Mama per averci raccontato storie di collaborazione e buona volontà di un Salento sempre più Autentico.

Grazie ai dipendenti e ai Comuni di Salve, Castro e Tricase.

Grazie a chiunque ci abbia sorriso e regalato un saluto durante il cammino.

Grazie mio paese natale, perché facendomi innamorare di te, delle tue strade e delle tue case, delle tue viottole di campagna e dei tuoi palazzi austeri, dei meriggi assolati sulle tue piazze deserte e dei tuoi tramonti suggestivi dietro “i cianci”, delle tue bufere e delle tue quietudini solenni contemplate dalla vasca, mi hai introdotto ad innamorarmi di Dio, autore del creato.” (don Tonino Bello)

 

Antonella Corciulo

Potrebbero interessarti