Predappio, turismo e cultura per rilanciare il borgo

19 settembre 2017

Turismo, cultura e ospitalità sono delle risorse fondamentali per i Borghi Autentici. A sottolinearlo di recente è stato Giorgio Frassineti, Sindaco di Predappio, borgo dell’Emilia Romagna. In un’intervista video rilasciata all’Ansa , il primo cittadino ha raccontato la sua esperienza di amministratore e la scelta di entrare a far parte dell’Associazione Borghi Autentici d’Italia.

Una direzione intrapresa alcuni anni fa che ha eletto Predappio a Comunità Ospitale per l’approccio con cui ha deciso di diventare destinazione di viaggio. Oltre ad essere una terra di storia e sapori, il borgo romagnolo ha deciso di puntare sull’accoglienza, su un modello di sviluppo turistico promosso dalla rete italiana dei Borghi Autentici.

Il Comune di Predappio è all’interno della rete dei Borghi Autentici da cinque anni. Abbiamo fatto questa scelta in maniera consapevole, perché è una rete di comuni che ha come slogan: “territori e comunità che ce la vogliono fare..” – afferma il Sindaco nell’intervista – Comuni che hanno l’intenzione di non abbassare la testa di fronte al periodo di crisi che stiamo vivendo e allo stato di abbandono in cui le piccole comunità sono state lasciate in questi anni”.

Giorgio Frassineti Sindaco di Predappio

Sono diventato Sindaco nel 2009, subito dopo c’è stata la grande crisi. Io volevo essere Robin Hood e invece mi hanno costretto a fare lo sceriffo di Nottingham che metteva le tasse ai cittadini per darle al principe Giovanni. Non potevo fare mutui, investimenti. Pagavo i fornitori dopo due anni, volevo dimettermi” ha spiegato il primo cittadino.

Un quadro difficile, comune a tanti piccoli borghi che, anche per questa voglia di riscatto, hanno deciso di farcela e sposare il Manifesto dei Borghi Autentici, dove persone e comunità sono protagoniste. “L’importante è essere felici, stare bene con se stessi, non fingere. E anche questo è il tema dell’ospitalità – ha aggiunto il primo cittadino – Tutti noi siamo turisti, viaggiatori che andiamo in un posto. Avvertiamo subito se qualcosa è finto o è vero, perché te ne accorgi. Quindi essere se stessi è la chiave vincente. Chi viene in una delle tante comunità ospitali della rete si sente a casa sua”.

Il borgo , in provincia di Forlì – Cesena, è legato alla tradizione culinaria romagnola e ha il suo simbolo nel Sangiovese, vino rosso robusto e deciso prodotto in numerose aziende vitivinicole locali. Predappio è anche il paese dove è nato e sepolto Mussolini. Un’eredità storica da gestire che contraddistingue questo comune con poco più di sei mila abitanti.

Noi abbiamo da sempre questa difficoltà: coniugare due parole che di per sé non possono stare insieme in teoria, si chiamano fascismo e turismo (..) Il fatto che nel tempo non sia mai stata realizzata una politica turistica è vittima di questa condizione. –  continua il Sindaco –  Credo che i tempi siano cambiati, da una particolarità negativa noi dobbiamo farne un’opportunità. L’unica arma che abbiamo è associare le due parole: turismo e cultura, puntare sui prodotti culturali, oltre all’enogastronomia. Ma non è sufficiente. Per poter avere uno scatto in più, dobbiamo fare uno sforzo ulteriore. Dobbiamo combattere nemici che si chiamano pregiudizio, isolamento, banalizzazione della storia. Possiamo offrire un prodotto culturale e turistico solo se siamo capaci di elevarci. Quindi i nostri amici devono diventare le università, cultura, conoscenza, storia e ricerca”.

Un borgo che può diventare palcoscenico di produzione culturale, dove il patrimonio è una risorsa in grado di generare economia e occupazione. “Predappio è in Romagna, un luogo dove si sta bene – conclude il Sindaco – Predappio viene ricordato per Mussolini ma è un luogo del 900, che insieme ad altri in Europa restituisce il senso del 900. E poi ci sono le persone, Predappio ha dei numeri che non ha nessuno, ci sono 630 Partite Iva, una ogni dieci abitanti. Siamo gente che si dà da fare, siamo gente fatta così, siamo dei romagnoli”.

Il video dell’intervista all’ANSA

 

Potrebbero interessarti