ANCI e CONAI, un accordo per gli imballaggi

5 maggio 2016

Nel 2013, la produzione nazionale dei rifiuti urbani si attesta, a circa 29,6 milioni di tonnellate, facendo registrare una riduzione di quasi 400 mila tonnellate rispetto al 2012 (-1,3%, Tabella 2.4). Tale contrazione, che fa seguito ai cali già registrati nel 2011 e nel 2012, porta a una riduzione complessiva di circa 2,9 milioni di tonnellate rispetto al 2010 (-8,9%).

Il dato di produzione dei rifiuti urbani si attesta, nel 2013, a un valore inferiore a quello rilevato nel 2002.

(Dati Rapporto Rifiuti Urbani – ISPRA 2014)

I rifiuti e la loro gestione sono una delle principali questioni che le amministrazioni locali oggi sono chiamate ad affrontare, per il benessere del proprio territorio ma non solo: la corretta gestione dei rifiuti – dallo smaltimento di quelli esistenti alle strategie, oggi sempre più indispensabili – per produrne sempre meno, è infatti un tassello fondamentale per poter contribuire a tutelare l’ambiente e il territorio, in un’ottica che abbraccia gli obiettivi di sostenibilità dell’UE e dell’intero pianeta, come è emerso anche dagli obiettivi della COP21.

Tra i rifiuti che creano maggiore difficoltà di gestione da parte delle amministrazioni e delle organizzazioni locali spiccano quelli derivanti dagli imballaggi ed è proprio per questo, per facilitare una gestione green ed efficace, che nasce l’Accordo di programma ANCI-CONAI 2014-2019, strumento che vuole garantire ai Comuni italiani “la copertura dei maggiori oneri sostenuti per fare le raccolte differenziate dei rifiuti di imballaggi”.

L’Accordo, composto da una parte generale, che contiene i principi generali, e da sei allegati tecnici che disciplinano le filiere di alluminio, acciaio, carta, legno, plastica e vetro, attivato nel 2014 e valido fino al 2019, è un passo importante verso una gestione più attenta all’ambiente dei rifiuti da imballaggio, parte di un percorso più ampio che mira a ridurre la produzione stessa di rifiuti, verso un’attenzione sempre maggiore all’ambiente e alla sua tutela.

Leggi di più sul sito BAI.

Potrebbero interessarti